Section Blog layout
All' Elba inaugurato un percorso per sub disabili PDF Stampa E-mail
Scritto da Coala   
Martedì 04 Maggio 2010 07:38

(ANSA) - PORTOFERRAIO (LIVORNO), 25 SET - Inaugurazione, oggi all'Elba, di 'Mare Sub..Erabile' allo scoglietto di Portoferraio, progetto e sito subacqueo per chi ha disabilita' motorie e visive. L'iniziativa e' di Handy superabile, associazione di volontariato. Grazie alla partecipazione di istruttori sub qualificati, i disabili si potranno immergere allo Scoglietto, dove a 18 e 30 metri circa di profondita' saranno inaugurati due manufatti in rilievo che riportano in braille le informazioni guida del sito subacqueo.(ANSA).

 

fonte : www.ansa.it

Ultimo aggiornamento Mercoledì 29 Settembre 2010 13:32
 
Il web per i non vedenti: le novità nel futuro PDF Stampa E-mail
Scritto da Coala   
Martedì 20 Aprile 2010 15:55

 


I progressi per migliorare le pagine web tradotte in Braille sono avanzati lentamente a causa dei costi e della complessità dei display Braille, congegni tattili che consentono ai non vedenti di “leggere” i contenuti presenti in un sito internet. Un team della North Carolina State University, a tal proposito, sta muovendo i primi passi verso lo sviluppo di un dispositivo che consente ai non vedenti di sfruttare al meglio il web a prezzi decisamente più contenuti.

Il team, riferisce la rivista Scientific American, sta mettendo a punto un prototipo che si basa sulla costruzione di schermi elastici che si sollevano idraulicamente quando a essi viene applicata una differenza di potenziale elettrico, rappresentando i punti dell'alfabeto per non vedenti che viene letto con le dita.
Fin qui niente di rivoluzionario se pensiamo che apparecchi tattili simili, esistono già ma in una forma semplificata, ma a costi altissimi. Questa nuova tecnologia, invece, ha il merito proprio di ridurre notevolmente i prezzi. I display braille esistenti, consistono in una fila di "celle", spesso con tecnologia piezoelettrica, nella quale il testo tradotto in Braille da un computer viene trasmesso ai polpastrelli dell'utente. Il display proposto dai ricercatori statunitensi, invece, comprende fino a 25 righe, composte ognuna da 40 "celle" capaci di rappresentare anche le immagini di una pagina web, oltre naturalmente al testo.

Il funzionamento è abbastanza semplice: il display elastico raccoglie con un software il contenuto di una pagina Web dal sistema operativo del computer, converte le parole e le immagini in una versione digitale del Braille e trasmette le informazioni raccolte sul monitor del computer tradizionale attraverso i perni elettromeccanici. Le informazioni trasmesse vengono raccolte su una fila di celle rettangolari allineate una accanto all'altra come in un domino. Ogni cella ha da sei a otto piccoli fori che rappresentano i vari caratteri Braille e che vengono lette con le dita dai non vedenti.

Secondo Neil Di Spigna, uno dei ricercatori e autori dello studio, ci vorrà ancora un anno per ottenere un prototipo funzionante, se saranno superati i problemi di realizzazione; poi potrebbero essere necessari ancora quattro anni per la produzione in serie del dispositivo che si vuole spingere fino all’ideazione di un’equazione in braille che riesca a contenere più informazioni in un’unica riga.

Il progetto è stato denominato “Touch and Go” e sta portando aventi due ricerche parallele volte ad abbassare i costi e l’enorme quantità di energia di cui necessita, oggi, un display braille. Le tecnologie ipotizzate sono due: l’utilizzo della pressione idraulica o l’utilizzo di un tubo cilindrico di silicio, come trasmettitori di energia. Fonti alternative che ridurrebbero i consumi ed i costi. L'approccio standard piezoelettrico per fare un display Braille, costa circa 35 dollari per ogni cella, riferisce Peichun Yang, co-autore della ricerca, e può essere portato, in futuro, a 5 dollari. Costi notevolmente inferiori rispetto a quelli attuali. Un display Braille, le cui celle, in numero di 20-40, sono contenute nella configurazione standard in una singola fila, infatti, ha un costo che varia da 1.600 dollari a 3.600.

 

fonte : www.nextme.it

Ultimo aggiornamento Martedì 20 Aprile 2010 16:02
 
Museo Civico: percorso per nonvedenti ed ipovedenti PDF Stampa E-mail
Scritto da Coala   
Giovedì 08 Aprile 2010 09:36

 

MONDRAGONE. "Un Museo da visitare ad occhi..chiusi" questo è il nome del progetto finanziato dalla Regione Campania - Settore Musei a favore del Museo Civico Archeologico "Biagio Greco" che permetterà di realizzare il primo percorso museale per nonvedenti ed ipovedenti.

Il progetto, sostenuto anche dall'Unione Italiana Ciechi, ha come obiettivo quello di predisporre un percorso "parallelo" rispetto all'attuale esposizione e consentire anche ai ciechi di poter conoscere ed apprezzare i reperti archeologici più significativi presenti nel Museo Civico.

Prevista la realizzazione di numerosi calchi che potranno essere toccati e manipolati dai visitatori nonvedenti ed ipovedenti, calchi che saranno la riproduzione fedele in scala 1:1 dei reperti esposti in vetrina. In caso di reperti colorati, la riproduzione del calco dovrà consentire, attraverso l'utilizzo di dislivelli, di poter percepire il posizionamento dei colori. Il percorso sarà poi completato con pannelli e guide in linguaggio braille.

"Il finanziamento era disponibile da diverso tempo - commenta l'assessore Udc Pasquale Sorvillo - ma inspiegabilmente solo di recente è stato deliberato il cofinanziamento da parte dell'Amministrazione. Come ho dichiarato appena ricevuto la delega, voglio riattivare tutti i progetti fermi e ridare lustro al nostro Museo Civico, vanto della Città e modello di gestione per l'intera provincia di Caserta. Il progetto in fase di affidamento vuole consentire che i principali reperti archeologici attualmente esposti possano essere fruiti anche dai nonvedenti ed ipovedenti, attraverso ausili didattici specifici come i calchi in scala 1:1 e la predisposizione di pannelli in braille. In tal modo il Museo Civico di Mondragone sarà il primo Museo della Provincia di Caserta ad abbattere le barriere per una fruizione completa del proprio patrimonio archeologico. Il nostro modello, ovviamente con le debite proporzioni, è il Museo Omero di Ancona, museo dedicato e specializzato per i ciechi e gli ipovedenti".

 

fonte : www.pupia.tv

Ultimo aggiornamento Giovedì 08 Aprile 2010 10:12
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 Succ. > Fine >>

Pagina 4 di 6

Creating the atmosphere for good communication.

Warm & Cosy Pty Ltd

Cooperativa COALA Onlus Via G. Leopardi 3A, 60035 Jesi (AN) - Tel&Fax(+39)0731 57 171-Tel (+39)0731 21 44 83 - coalaonlus@gmail.com - P.I. 00695880427 - Privacy