Scavi di Paestum, percorsi facilitati Archeologia per i diversamente abili

Stampa
Scritto da Coala
Martedì 27 Luglio 2010 10:45

 

Il progetto è stato realizzato dal Comune di Capaccio. 
C’è un accesso e un percorso dedicato senza barriere

 

SALERNO - Mai più barriere: l’area archeologica di Paestum apre le porte ai diversamente abili. Il progetto, realizzato dal comune di Capaccio, non a caso si chiama "Cultura senza barriere" e ruota intorno ad un solo imperativo: garantire a tutti l’accessibilità ai monumenti. Tra gli interventi realizzati: un percorso di visita privo di barriere all’interno dell’area archeologica rivolto ai diversamente abili con handicap motorio; un altro percorso, attrezzato con tavole in rilievo e didascalie in Braille, riservato ai diversamente abili con handicap visivo; l’adeguamento dei marciapiedi e degli attraversamenti pedonali nelle zone d’ingresso ed uscita dell’area archeologica; la realizzazione dei servizi igienici, l’installazione di delimitatori di traffico posti a sud e nord dell’area pedonale. Nel progetto "Cultura senza barriere" redatto da Rodolfo Sabelli, architetto e responsabile del Settore IV del Comune di Capaccio, c’è anche la realizzazione di una rampa per l’accesso alla famosa Basilica Paleocristiana. «La realizzazione di questo progetto - dice il consigliere comunale Carmine Caramante - pone i templi di Paestum all’avanguardia per la ricettività e la fruizione ai diversamente abili».

I lavori hanno riguardato anche la biglietteria storica che ha visto il rifacimento degli intonaci interni ed esterni, della pavimentazione e delle porte d’ingresso ma soprattutto del piazzale antistante con il riposizionamento dell’originale pavimentazione in pietra. All’interno, un patio con un percorso tattile. Novità anche lungo la strada che costeggia l’area archeologica dove sono state installate nuove panchine. Tocco d’arte anche per l’area antistante il Museo Archeologico sistemata con una nuova pavimentazione in pietra. Il progetto "Cultura senza Barriere" verrà presentato giovedì prossimo dall’amministrazione comunale e dalla Soprintendenza ai Beni Archeologici in occasione della presenza a Paestum di una rappresentanza dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti.

Presenza legata alla X edizione del "Raid in pedalò" da Paestum ad Ascea che si svolgerà dal 26 al 31 luglio. La manifestazione che vedrà la partecipazione di equipaggi provenienti da tutta Italia gode del sostegno della Marina Militare e ha lo scopo di far conoscere le tematiche connesse al mondo dei ciechi e degli ipovedenti. Domani la prima delle 6 tappe partirà da Paestum per raggiungere Agropoli dove è prevista una visita con percorso tattile-olfattivo presso gli orti urbani nella frazione Mattine. «L’esperienza che proponiamo - commenta Angelo Coccaro assessore alla solidarietà sociale - intende dare l’opportunità a chi non ha l’uso della vista di percepire l’essenza di piante e fiori mediante altri sensi».

 

font : corrieredelmezzogiorno.corriere.it

Ultimo aggiornamento Martedì 27 Luglio 2010 11:00